Frassoni (Partito Verde Europeo): Brexit non è la fine dell’UE ma ora al lavoro per cambiarla

Posted in Comunicati Stampa.

brexit-eu-referendum-580x358“Oggi l’Europa è più divisa e meno colorata” afferma la Co-Presidente del Partito Verde Europeo Monica Frassoni.

“La maggioranza dei cittadini britannici ha espresso la volontà di separare il proprio futuro da quello del resto dell’UE. Questa è una decisione sovrana della maggioranza dei cittadini del Regno Unito, tuttavia non possiamo pensare che sia una decisione che non ci riguarda, né che sia la fine del progetto europeo.”

BREXIT O NO L’EUROPA DEVE CAMBIARE

Posted in Articoli.

NOBrexitIn una bella e non recentissima canzone del gruppo britannico Talk Talk il cantante ripeteva ossessivamente con la sua voce profonda il ritornello “life is what you make it, can’t escape it”.

Penso spesso a queste parole, osservando i commenti alternativamente catastrofisti o disinvolti rispetto al risultato del referendum sulla scelta dei britannici se rimanere o no nella UE.  Infatti,  anche se malauguratamente il Regno Unito dovesse scegliere la Brexit e obbligarci a occuparci ancora per anni di negoziare la sua uscita con perdita infinita di tempo prezioso e soldi che si potrebbero impiegare in ben altro modo, la disgregazione della UE non é comunque inevitabile.

Giornata Mondiale del rifugiato; Frassoni (Partito Verde Europeo): L’UE non può restare a guardare!

Posted in Comunicati Stampa, Egp.

rifugiati“Dall’inizio del 2014 più di 10.000 migranti hanno perso la vita nel Mediterraneo, nel disperato tentativo di raggiungere le coste europee” afferma la Co-Presidente del Partito Verde Europeo Monica Frassoni “e solo pochi giorni fa le guardie di confine turche hanno ucciso 11 migranti che cercavano di attraversare la frontiera ed entrare in Turchia. Non possiamo restare a guardare! I leader europei sembrano totalmente incapaci di fornire una risposta lungimirante a questa situazione. Non c’è via di uscita, però: risulta ogni giorno più chiaro che il prezzo della chiusura dei confini europei è veramente troppo alto.

ACCORDO GRECIA; FRASSONI (PARTITO VERDE EUROPEO): UN PASSO AVANTI ED UNO INDIETRO

Posted in Comunicati Stampa, Egp.

images“Il fatto che l’Eurogruppo, sotto considerevoli pressioni da parte del Fondo Monetario Internazionale, abbia accordato un alleggerimento del debito alla Grecia, è un elemento che accogliamo con favore” afferma la Co-presidente del Partito Verde Europeo Monica Frassoni. “Questo è un segnale che può favorire il rafforzamento della fiducia nello sviluppo dell’economia greca. Resta però controproducente chiedere, come fa l’Eurogruppo, che il Governo greco garantisca un surplus del 3,5% del PIL.

TU AUSTRIA FELIX; VAN DER BELLEN MESSAGGERO DI UN’EUROPA GENTILE E VERDE.

Posted in Comunicati Stampa, Egp.

13227573_10154619994899769_2440920083246907133_o“Non possiamo che essere contenti di questo risultato, non solo per l’Austria ma anche per l’Europa. Non è un caso che la campagna di Van der Bellen abbia portato avanti tematiche e priorità radicalmente alternative rispetto a quelle di Norbert Hofer. Per l’ex leader dei Verdi e oggi presidente dell’Austria un’ Europa democratica e una società accogliente non è solo possibile, ma assolutamente necessaria per assicurare benessere e coesione”.

TU FELIX AUSTRIA

Posted in Uncategorized.

imageBrussels, May 23rd, 2016

PRESS RELEASE

TU FELIX AUSTRIA!

Reinhard Bütikofer and Monica Frassoni, Co-Chairs of the European Green Party, declare on the result of the presidential elections in Austria:

“We congratulate Alexander van der Bellen, the citizens of Austria and the EU with the outcome of the presidential election. It will probably be remembered as one of the closest Europe has ever seen. And it comes with a decisive symbolic message for the wider European public: Europe’s values and our shared republican and democratic goals can be defended against insurgent right-wing populism.

The narrative of a European tilt to the far right is wrong. But, we have to break with the status-quo laziness and initiate credible policies of sweeping political, economic, social and environmental reforms to successfully combat extremism. Alexander van der Bellen is going to face a difficult task in reuniting Austrian citizens.

We wish him all possible success.”

– END PRESS RELEASE –

TTIPLEAKS: la trasparenza rafforza l’Europa

Posted in Uncategorized.

imagesI documenti pubblicati stamattina da Greenpeace sul mandato USA per il Trattato Transatlantico, anche se non sono recentissimi, provano che le posizioni dei negoziatori sono molto più lontane rispetto a quello che la Commissione europea é pronta a riconoscere pubblicamente.

In queste circostanze, insistere che i negoziati stanno andando benone e che tutto sarà finito entro quest’anno, segnala che la Commissione crede nei miracoli o ha già deciso di cedere su alcuni punti importanti per gli USA. Propendiamo decisamente per questa seconda ipotesi.

Ma non é una sconfitta! Ripartiamo dal referendum

Posted in Articoli.

fossiliAppena arrivate le prime notizie sui dati dell’affluenza ai seggi, ero ovviamente un po’ delusa, ma anche già proiettata in vista delle prossime tappe della battaglia per un nuovo modello energetico in Italia, che dopo stasera deve continuare più di prima; ma dopo avere ascoltato le dichiarazioni di Matteo Renzi, sono furente. Furente. Perché ho sentito bugie, ipocrisia, e una manipolazione vergognosa dei termini della questione. o non so voi, ma ancora mi scandalizza che un Presidente del Consiglio menta in questo modo cosi spudorato. Soprattutto se é un ragazzo giovane e con la fama di “rottamatore” della vecchia politica.

Referendum trivelle, le lampadine sprecano quanto metà del petrolio estratto

Posted in Articoli.

renewable-oil_10413Ieri a Bruxelles il rappresentante del governo italiano ha votato a favore di un provvedimento che esclude le lampadine dai settori obbligati – in pratica tutti gli altri elettrodomestici- a fermare l’imbroglio che permette di “tollerare” performance di efficienza superiori del 10% rispetto alla realtà: con uno escamotage tecnico, insomma, e per un periodo non determinato, i produttori di lampadine potranno dichiarare di essere più efficienti di quello che in effetti sono; che c’entra questa bella performance con le trivelle e il referendum di domenica?